Protocolli di udienza

Anche il Tribunale di Bari, sull'onda positiva delle esperienze maturate in altri contesti giudiziari, ha di recente avviato la stagione dei protocolli d'udienza che, finalizzati a regolare le modalità di svolgimento delle attività processuali e, di conseguenza, a proporre, all'adesione dei soggetti co-protagonisti del pianeta-giustizia, le prassi applicative e organizzative ritenute più idonee allo scopo, hanno costituito il naturale portato di un'inevitabile presa di coscienza: nel momento in cui i problemi della giustizia civile sono stati affrontati dal legislatore con proposte di riti sempre diversi, affastellati al di fuori di un progetto complessivo della giustizia, si è venuta altrimenti diffondendo la convinzione che occorressero metodi del tutto diversi, incentrati sulla organizzazione ( divenuta da necessaria a indispensabile, specie in un momento storico, come quello presente, contraddistinto da carenza di risorse ) e/o sulla collaborazione tra tutti gli operatori del diritto, sulla ricognizione e promozione delle prassi migliori.

In siffatta prospettiva, i protocolli, elaborati appunto per la gestione delle udienze, nonchè originati dall'idea di dar vita una sorta di tavolo permanente di confronto comune, si pongono indefettibilmente come strumenti operativi che, altresì animati da una più sentita consapevolezza della complementarità dei rispettivi ruoli e del necessario rapporto di lealtà nei confronti del processo e dei suoi principi fondamentali, risultano fondati sull'individuazione di un insieme di regole condivise per la gestione dell'organizzazione delle udienze, attraverso un metodo di lavoro che vuole valorizzare il contributo paritario di tutti i soggetti che sono coinvolti nella gestione delle udienze; e ciò a partire dal momento dell'elaborazione di proposte di protocolli compiute attraverso il comune e partecipato contributo dei rappresentanti del personale amministrativo, della magistratura e dell'avvocatura, fino a quello della sottoscrizione dell'atto da parte degli organismi rappresentativi delle tre categorie coinvolte.

All'esito di un percorso condiviso, in definitiva, anche nel Tribunale di Bari si è ritenuto di perseguire la finalità non più procrastinabile di favorire uno svolgimento più ordinato e proficuo delle udienze, di superare ( almeno in parte ) il grave disagio esistente, di migliorare la qualità del processo, di tutelare la riservatezza dei soggetti coinvolti e di ridurre drasticamente i tempi di attesa di testimoni, nella partecipata consapevolezza che anche le "prassi virtuose" possano rappresentare qualificante strumento per migliorare l'efficienza della giustizia civile.

Protocolli di Udienza
  • Protocollo penale
    (PDF - 151 Kb)
  • Protocollo civile
    (ZIP - 263 Kb)

Il Tribunale ordinario di Bari ha due sedi:


Informazioni e domanda per l'accesso al tirocinio formativo presso il Tribunale di Bari previsto dall'art. 73 del decreto legge 21/6/2013 n.69 convertito con modifiche con legge 9/8/2013 n.98


Procedure
di composizione
della crisi da
sovraindebitamento

10/10/2017  - Crisi da sovraindebitamento 1966/2017 R.G.
Il Tribunale, in composizione monocratica nella persona del
Giudice Unico Antonio Ruffino, OMOLOGA il piano del consumatore proposto da Castoro... [leggi]
decreto - formato PDF (64Kb)


Protocolli di Udienza Processo civile telematico Innovazione Tecnologica Ufficio Unico Certificati
presso la Corte d'Appello
Sezione Fallimentare

Distretto della
Corte di Appello di Bari

L'elenco delle Vendite Giudiziarie promosse presso il Tribunale

Vetrina Immobiliare
Permanente

In questa sezione si trovano i moduli in uso presso le cancellerie, utili al cittadino ed ai professionisti.

Informazioni su "come fare per" ottenere un'informazione o un servizio riconducibile all'attività del Tribunale, con schede esplicative che chiariscono le modalità, i riferimenti normativi, la modulistica e gli uffici ai quali rivolgersi.

Ufficio del processo e ragionevole durata: la Banca Dati Digitale Conciliativa (BDDC).